Posizionamento sulla SERP:...

Posizionamento sulla SERP: come funziona e da cosa dipende

dic 16, 2013 - Nessun commento

SERP sta per “Search Engine Results Page” ovvero pagina dei risultati del motore di ricerca.
Ogni volta che un utente effettua una ricerca sul web, il motore gli restituirà un elenco di risultati, ordinato per importanza, rilevanza o numero di click.

Il posizionamento fra l’elenco di questi risultati, proprio perchè garantisce una visibilità ovvia, è oggetto di una strategia e di una grande competizione da parte dei Webmaster e dei SEO Specialist, figure professionali che, con competenze e conoscenze tecniche, ottimizzano un sito web al fine di renderlo “gradito” agli spider di motori di ricerca autorevoli quali Google, Yahoo!, Bing ecc.

Ma come funziona la SERP e quali possono essere i criteri adottati da un motore di ricerca per posizionare fra le “vette” dei risultati un sito web?

Ebbene i metodi sono complessi e dipendono dalle analisi dei contenuti di un dato sito web, effettuato sulla base dei contenuti (che devono essere originali e con testi di qualità), delle giuste keyword e keyphrase, ottimizzate in modo che siano “SEO-friendly”.
Degli appositi algoritmi specifici, gli spider, analizzano tutto ciò e, se ritengono meritevole, agganciano il sito analizzato e lo indicizzano fra i risultati di ricerca.

Ma esserci non basta assolutamente: con una selva intricata di siti, blog, social network, forum ecc, un’azienda che intende raggiungere un numero elevato di utenti/potenziali clienti, dovrà migliorare la posizione nella SERP, scalando letteralmente i risultati di ricerca.
E’ stato analizzato come sia proprio fra le prime due pagine di risultati, che risiede la maggiore percentuale di essere visti, cliccati e contattati da utenti interessati rispetto al target di riferimento e in rapporto alle keyword applicate.

In quest’ottica, oltre alle keywords, link ecc, ci sono degli elementi che possono fare ulteriormente la differenza per ottenere un buon ranking nel posizionamento SEO, come l’inserimento di gallerie con immagini e video strettamente connessi ai contenuti, che possono allungare di molto, il tempo medio di una visita.

Il “podio” di motori come Google è una posizione molto ambita in quanto privilegia i “detentori” delle prime posizioni, regalando una notevole visibilità a Brand o a prodotti e servizi offerti.