Come scrivere un articolo SEO? Ricerca Keyword & Semantic SEO

Nella stesura di un contenuto ottimizzato SEO è importante saper scegliere le keyword giuste.

Gli articoli ottimizzati SEO rappresentano una tipologia di contenuto sempre più richiesta da aziende e privati. Diventa quindi molto importante saper identificare e gestire il processo migliore per scrivere un articolo SEO, così come i tool che permettono di farlo con facilità ed efficienza.

Dopo aver presentato il primo Step (Analisi del Dominio e Competitor) per la stesura di articoli ottimizzati per l’algoritmo Google, ci occupiamo ora del secondo Step: la ricerca delle keyword e la progettazione del contenuto in ottica di semantica SEO.

In particolare, questo secondo Step prevede:

  1. L’analisi delle keyword per cui il proprio dominio viene indicizzato su Google.
  2. La ricerca di eventuali keyword correlate.
  3. L’indagine su quali siano le parole chiave più cercate per la categoria tematica a cui appartiene il contenuto.


Arrivati alla fine di questo Step sarà possibile identificare le richieste degli utenti che svolgono ricerche su Google, sia in riferimento al proprio dominio che, in una prospettiva più ampia, all’interno del settore in cui si opera. Queste informazione andranno poi utilizzate per stendere il contenuto o, in alternativa, comunicate tramite brief all’autore che si occuperà della scrittura.

Tutti questi passaggi sono disponibili anche all’interno di MELAKEYS, parte della suite Melascrivi:

Come analizzare le Keyword: Ricerca Organica & Posizionamento

Alcuni dati preliminari sulle keyword associate al proprio dominio erano già state ricavati nella parte finale dello Step 1. Tra le informazioni fornite dallo strumento Confronta Dominio veniva infatti indicato anche un elenco delle parole chiave per cui i siti si posizionano nella SERP Google.


Un’analisi più approfondita delle keyword per cui il proprio dominio si posiziona nella SERP è possibile però attraverso tool di Ricerca Organica, forniti da Semrush, SeoZoom o presenti già all’interno del pacchetto MelaKeys.


Ricordiamo inoltre che lo strumento Melakeys non prevede attualmente nessuna tipologia di abbonamento. Ogni servizio è fornito a consumo, per cui il pagamento corrisponde solo all’utilizzo effettivo che si fa dei diversi tool.


 

 

SCOPRI MELAKEYS

 

 


Grazie a questi strumenti, oltre ad avere una prima panoramica delle posizioni occupate dai propri contenuti (articoli, pagine, prodotti, etc) per diverse parole chiave, è possibile ricavare informazioni circa:

  • Il Livello di Competizione per quella determinata keyword, cioè l’affollamento in SERP per la parola chiave indicata.
  • Il Costo Per Click (CPC). Si tratta di un’informazione utile se si vogliono attivare delle campagne sulla Rete di Ricerca. Oltre a queste informazioni utili sul lato SEO, permette di capire se ci sono dei competitor che hanno già attivato delle campagne, dal momento che più il CPC è alto più ci si immagina elevata la concorrenza.
  • Il Volume della Ricerca, cioè la media delle ricerche mensili che vengono effettuate dagli utenti per quella determinata keyword.
  • Il totale dei risultati che Google mostra per quella determinata parola chiave.
  • L’ETV (Estimated Traffic Volume): indica il volume di traffico potenziale che quella determinata parola chiave può portare al sito. Si distingue dalla metrica Volume di Traffico perchè questa indica il traffico totale su quella parola chiave.

Tutte queste informazioni servono per comprendere il tipo di domande a cui gli utenti sono interessati, anche rispetto ai volumi degli altri siti che operano nel medesimo settore e che quindi potrebbero rappresentare potenziali competitor.
Un’analisi attenta di questi dati permette di capire già su quali keyword sarà ragionevole puntare in fase di stesura dell’articolo ottimizzato SEO.

Il plus di MelaKeys in questo contesto è rappresentato dalla possibilità data al Cliente di richiedere un contenuto direttamente dal tool che fornisce queste indicazioni per una determinata parola chiave. Il processo viene quindi in questo caso reso ancora più semplice e immediato grazie a una piattaforma che integra l’analisi delle keyword alla richiesta di articoli ai copywriter.

 

Lo stesso genere di informazioni può essere ricavato anche direttamente insieme all’indagine su un altro dominio, attraverso tool che permettono di analizzare le keyword in comune tra i due siti.

 

 

Come trovare ispirazione: Keyword Correlate & Suggerite

Una volta compreso quali siano le keyword per cui il proprio dominio viene indicizzato in SERP, un valido aiuto è quello fornito dai tool che suggeriscono ulteriori keyword da utilizzare eventualmente all’interno del contenuto. Tra queste, è possibile distinguere tra:

Keyword Correlate

Parole chiave connesse e legate a quella in esame, perché presenti nelle stesse ricerche effettuate dagli utenti. Molti tool permettono di scegliere tra una ricerca esatta della keyword o una ricerca estesa:


Il tool di ricerca keyword correlate di Semrush

 


Melakeys

 

Un suggerimento utile in questo caso è quello di ordinare le keyword fornite dal tool per Volumi di Ricerca: soprattutto in caso di keyword molto generiche, si avrà così fin da subito un’idea molto più chiara dei risultati.


All’interno del tool MelaKeys è inoltre possibile visualizzare l’MCR per una determinata keyword. Questo indicatore viene calcolato ponderando i valori di posizione occupata in SERP, competizione e volume di ricerca, permettendo così di valutare l’opportunità di scrivere un articolo utilizzando quella determinata parola chiave.

Keyword Suggerite

Molti tool sono anche in grado di suggerire ulteriori keyword legate al dominio per cui si vogliono richiedere dei contenuti.

Sebbene in alcuni casi possano risultare troppo ampie e generiche (soprattutto quando invece si ha a che fare con business molto specifici) questo tool risulta comunque utile dal momento che permette di avere un buon insight sulle ricerche all'interno del settore e più in generale dell'argomento che tratta il sito.

 

Come analizzare il settore: Keyword per Categorie

Una funzione molto utile disponibile in alcuni tool è infine quella che permette di ricercare possibili keyword utili selezionando non un dominio di riferimento o una parola chiave primaria da cui partire, ma più in generale la categoria tematica a cui il sito appartiene.

Anche in questo caso, trattandosi di una ricerca molto ampia, i risultati possono rivelarsi utili, più che per identificare specifiche keyword da inserire all’interno del proprio articolo SEO, per avere un’idea di quali siano le domande che gli utenti rivolgono a Google all’interno di quel settore specifico.

Si tratta quindi comunque di informazioni che possono rivelarsi molto utili nel progettare la propria strategia SEO.

Infine, è utile riordare che uno strumento gratuito per la ricerca di nuove parole chiave viene fornito da Google stesso. Digitando le parole chiave all’interno della barra di ricerca, sarà lo stesso motore di ricerca a fornirci dei suggerimenti sulle keyoword.


In questo modo è possibile fare un’ulteriore analisi rispetto alle parole chiave scelte oppure scoprire parole chiave da analizzare.

 

Hai bisogno di far realizzare contenuti e hai ancora dubbi su come individuare le keyword utili al posizionamento del tuo sito? Scopri il nostro WEBINAR GRATUITO!

Come richiedere articoli ottimizzati SEO

Tutte le informazioni ricavate in questi passaggi possono quindi essere utilizzate per scrivere o richiedere contenuti ottimizzati secondo la Semantica SEO.

Invece che limitarsi a identificare alcune parole chiave rilevanti e infarcirne il contenuto, occorre piuttosto studiare un bacino più ampio di argomenti e categorie legati al proprio settore, e da quelli ricavare man mano elementi semanticamente rilevanti che possano essere inseriti nel testo così da renderlo più appetibile per Google in vista di un posizionamento in SERP.

Una volta identificati questi elementi, non resta che procedere con la stesura del contenuto o la richiesta a un autore

 

Ultime news da Melascrivi