Traduzioni & Digital Strategy: le 4 Regole per fare business in Cina

La Cina ha conosciuto un forte sviluppo tecnologico negli ultimi anni, per questo è necessaria una strategia digital ottimizzata.

Con il consolidarsi della Cina come una delle maggiori potenze economiche a livello globale, la traduzione online contenuti web in lingua cinese viene sempre più richiesta dalle aziende italiane che desiderano fare business in Cina e internazionalizzare il proprio Brand.

Seguendo un trend che si era già imposto negli anni precedenti, anche per i prossimi mesi del 2020 si prevede che il mercato cinese arriverà a ricoprire una posizione di importanza sempre maggiore per le aziende, rendendo necessario un costante aggiornamento in questa direzione.

Quali sono gli elementi da valutare attentamente in una Content Strategy orientata al mercato cinese?

  • Investire nella traduzione localizzata dei propri testi. 
  • Orientarsi fin da subito a contenuti ottimizzati per mobile.
  • Puntare sui Social come elemento centrale della propria strategia, comprendendo alcune dinamiche specifiche per il questo mercato (come l’importanza dei KOL).
  • Lavorare sull’integrazione dei canali, così da potenziare anche il settore e-commerce.

 

L'importanza della Traduzione in Cinese

 

Secondo alcune recenti stime, solo una minima parte della popolazione cinese (alcuni studi parlano addirittura dell'1%) è in grado di comprendere un messaggio in lingua inglese


La percentuale sale nelle grandi città o in zone del Paese con una particolare storia alle spalle (a Hong Kong, per esempio, l'inglese è compreso, almeno a un livello elementare, dal 50% della popolazione), ma rimane comunque troppo bassa per essere efficacemente sfruttata a fini commerciali.

Per riuscire a conquistare il pubblico cinese è quindi fondamentale non solo riuscire a veicolare il proprio messaggio in una lingua che possa essere facilmente compresa, ma anche proporre i propri contenuti (e-commerce, Social Media o articoli di blog aziendali) con attenzione alle specificità culturali del Paese. 

 

Hai bisogno di traduzioni?

 

 

Come fare Marketing Digitale per la Cina

Velocità, orientamento al mobile, integrazione di più canali e presenza di grandi complessi di aziende.
Queste sono le caratteristiche peculiari dell’attuale panorama digital cinese, che spesso (come sottolineato anche da uno studio svolto lo scorso anno dall’Harvard Business Review) è poco conosciuto dalle aziende straniere che intendono farsi conoscere anche in questo mercato.

 

hong-kong-cina-china-melascrivi-traduzioni

 

La Cina ha infatti vissuto nel giro di pochi anni un sorprendente sviluppo tecnologico, che l’ha portata a diventare uno dei Paesi al mondo in cui sempre più azioni o attività sociali vengono svolte prevalentemente tramite dispositivi smart e collegamenti alle Rete.

Questa tendenza è destinata a crescere anche nei prossimi mesi: nel corso del 2020 la Cina punterà sempre di più sul mercato digitale

Ottimizzare per mobile

Un esempio particolarmente significativo è quello legato al ruolo determinante avuto da cellulari e smartphone.

Sviluppandosi tecnologicamente, la Cina ha in un certo senso saltato lo step della digitalizzazione tramite computer, passando direttamente da uno stato di digitalizzazione minima a una situazione di presenza preponderante degli smartphone, a cui si fa ricorso per svolgere un gran numero di attività diverse.

I pagamenti (che fino a qualche anno fa venivano ancora effettuati prevalentemente in contanti), sono ora gestiti in gran parte da cellulare tramite apposite app. Lo step intermedio, che prevederebbe prima una diffusione di pagamenti tramite carta, ha avuto invece scarsa presa.

 

china-cina-mobile-digital-strategy-traduzioni-melascrivi

 

Elementi come questo fanno capire quanto sia importante per le aziende italiane aggiornarsi costantemente sullo sviluppo del settore digital cinese, che spesso avviene secondo dinamiche completamente diverse rispetto a quelle a cui assistiamo normalmente in Occidente.

Tra i principali elementi da tenere in considerazione figura quindi la pianificazione di una strategia digital secondo la logica del “mobile first”, così come dell’integrazione tra acquisti online e sistemi di pagamento ottimizzati.

Piattaforme integrate

Secondo una consuetudine che in Occidente ha generato qualche perplessità, il panorama digital cinese si caratterizza anche per la fortissima integrazione dei dati da piattaforme diverse.

È normale che un Brand che voglia svolgere delle indagini di mercato sul proprio target abbia accesso non solo a dati relativi, per esempio, alle ricerche effettuate sui motori di ricerca o ai Social più utilizzati, ma possa attingere a informazioni molto più personali, come il modo in cui l’utente gestisce il proprio conto corrente bancario.

Questa forte integrazione è possibile anche grazie al fatto che il settore digital cinese è dominato da enormi complessi di aziende riunite sotto una sola etichetta.
Tra questi, il più famoso è certamente il complesso BAT, formato dai giganti Baidu, Alibaba e Tencent.
In termini occidentali, sarebbe come se Google, Facebook, Amazon, CNN, ESPN e la Bank of America fossero gestiti tutti dalla stessa azienda.

 

alibaba-cina-china-melascrivi-traduzioni

 

Questa caratteristica, pur sollevando critiche in merito alla possibile violazione della privacy degli utenti, senza dubbio va a favore delle aziende, in quanto permette loro di strutturare campagne digital molto ingaggianti e aderenti con grande precisione alle abitudini del target di riferimento.

Come usare i Social

Come anche in altri mercati emergenti (primo fra tutti quello russo), anche il panorama digital cinese si caratterizza per Social Media locali, molto più utilizzati rispetto alle piattaforme occidentali. Tra questi, i principali sono:

  • WeChat: sviluppato dalla società Tencent, è forse il più diffuso sistema di scambio di messaggi testuali o vocali. Consente, tra le altre cose, anche l’attivazione di chatbox e newsletter da parte dei Brand, che possono così arrivare facilmente a comunicare con il potenziali cliente.
  • Tencent QQ: come WeChat, anche QQ è sviluppato da Tencent e rappresenta un’altra app di messaggistica molto diffusa.
  • Sina Weibo: una delle principali piattaforme di microblogging.
  • Xiao Hong Shu (anche conosciuto come “Little Red Book”): una piattaforma che integra Social Media e e-commerce.

weibo-china-cina-melascrivi-traduzioni

Sina Weibo (versione Overseas)

 

melascrivi-XiaoHongShu-cina-china-traduzioni

Xiao Hong Shu

 

Come creare video ingaggianti

Tra i principali trend social che dominano il mercato cinese compare senza dubbio quello dei contenuti video, ormai diventati una delle strategie più adoperate dalle aziende non solo per fare brand awareness ma anche per arrivare a vedere direttamente i propri prodotti.

Anche in questo caso occorre prestare attenzione alle specificità del pubblico cinese: gli utenti, che vengono costantemente raggiunti da video promossi dai Brand, hanno sviluppato una soglia di attenzione al singolo contenuto molto bassa (si calcola attorno agli 8 secondi).
Occorre quindi proporre video che siano ingaggianti fin dai primi secondi.

Come sfruttare il Live Streaming

La vera protagonista delle strategie digital orientate al mercato cinese è però una tipologia specifica di video: quella del live streaming, cioè delle dirette video in cui un personaggio scelto dal Brand propone agli utenti contenuti in linea con i prodotti che l'azienda intende promuovere.

Il live streaming viene effettuato su piattaforme dedicate, come TabaoLive (che ha avuto nel 2019 oltre 504 milioni di utenti), Viya e Douyin.

 

Dati: QuestMobile THRUTH China Digital Internet Database (Novembre 2019)
Immagine: WALKTHECHAT

 

Le persone scelte dai Brand appartengono solitamente a due categorie, che rappresentano un'evoluzione tipicamente cinese del fenomeno degli influencer.

I KOL (Key Opinion Leader) sono le grandi celebrità del panorama social cinese, personaggi con milioni di follower e che possono svoltare le sorti di una campagna digital.

I KOC (Key Opinion Consumer), invece, sono non celebrità ma consumatori che per diverse ragioni si sono guadagnati un proprio pubblico e che, proprio per la loro vicinanza al potenziale acquirente, sono in grado di creare alti livelli di engagement.

La collaborazione con un KOL o un KOC può essere, anche per i Brand stranieri, la chiave per guadagnarsi un buon pubblico anche in Cina, data la loro capacità di orientare le scelte del pubblico.

china-cina-KOL-digital-strategy-traduzioni-melascrivi

 

china-cina-KOL-digital-strategy-traduzioni-melascrivi

La KOL ventitreenne Kakakaoo

Come vendere su e-commerce

Anche la dimensione e-commerce ha in Cina alcune caratteristiche peculiari.

Un primo elemento da considerare è, come già accennato, la forte integrazione tra piattaforme di commercio online e altre tipologie di social e di contenuto.

Molto diffuso in Cina è infatti il live commerce: l’unione di live streaming ed e-commerce che permette agli utenti che stanno visualizzando una live di un KOL o KOC di acquistare direttamente il prodotto, senza doversi spostare su una piattaforma diversa.

L’utente cinese cerca quindi un’esperienza di acquisto immediata e veloce, che permetta di acquistare molto rapidamente il prodotto a cui è interessato.

Secondo una tendenza già sottolineata in altri ambiti, anche quando si tratta di e-commerce molti utenti navigano prevalentemente da mobile, rendendo quindi necessaria da parte delle aziende un'ottimizzazione degli store in questa direzione.

Tra i siti di e-commerce più diffusi compaiono:

  • Tmall China (parte del gruppo Alibaba): il terzo sito web più visitato al mondo.

china-cina-ecommerce-digital-strategy-traduzioni-melascrivi

  • JD.com: ha recentemente avviato una partnership con WeChat, cercando di superare il colosso rivale Alibaba.

china-cina-ecommerce-digital-strategy-traduzioni-melascrivi

  • Koala: un marketplace che si focalizza su prodotti di qualità provenienti da Paesi occidentali.

china-cina-ecommerce-digital-strategy-traduzioni-melascrivi

 

La Cina offre quindi grandi possibilità di guadagno per le aziende italiane, che devono però anche essere in grado di comprendere le specificità di questo mercato e saperle sfruttare al massimo.

Una buona strategia digital orientata alla Cina parte sicuramente da una buona traduzione, che sia culturalmente ottimizzata e localizzata secondo le specificità del mercato a cui si punta.
La piattaforma Melascrivi.com integra nella propria suite anche il servizio di traduzioni TraduciMela, grazie al quale è possibile far tradurre i propri contenuti web in oltre 20 lingue, tra cui il cinese.

Cosa aspetti? Rivolgiti a noi!

 

 

 

Ultime news da Melascrivi